Batman

http://www.youtube.com/watch?v=cPLUeA4vwik

« Tell me something, my friend. Have you ever danced with the Devil in the pale moonlight? » (Joker)

Si tratta del primo della serie di film su Batman prodotti dalla Warner Bros. Parliamo di un film più “gotico” che macabro, in cui vengono messi in luce gli aspetti più inquieti e profondi della personalità del protagonista, il Cavaliere Oscuro, la quale enigmatica e misteriosa psiche si riflette sulla città che sorvola, sulle sue avventure, sui personaggi che incontra e sugli oggetti personali a lui associati: il suo costume, la sua macchina, il suo assistente e persino il suo avversario numero 1, Joker.

Come al solito, la sua visione “oscura” del mondo ha fatto innervosire la Warner ma, usando quei toni, ha sicuramente dato al film una maggiore attinenza al fumetto originale, al contrario delle serie tv degli anni Sessanta. Burton non è mai stato un fan accanito dei fumetti, preferendo di gran lunga le “graphic novels”, con i loro eroi dall’animo inquieto.

Ad occupare un grandissimo spazio nella mente del regista è stata la figura di  Joker, un personaggio estremamente estroverso al contrario di Batman: uno il contrario dell’altro, due forme complementari di energia mentale. Per la parte di Joker, Burton ha scelto Jack Nicholson, una figura perfetta adatta ad amplificare l’esibizionismo arci-villano del cinema moderno. Nicholson, la vera star di Batman, costituisce la figura centrale del film; infatti l’esplicita visione dell’anti-eroe del regista ha decisamente allarmato la Warner.

Lo sfondo di Gotham City riflette quello di New York, ma ridisegnato con una immaginazione più oscura e con una luce più decadente:

“We decided to darken everything and build vertically and crumb things together, and then just go further with it in a more cartoon way. Every time I do anything I start with the character. Batman’s character likes the dark and wants to remain in the shadows, so it’s a city at night without many day scenes. Evetything is meant to support these characters.” (Burton on Burton, op. cit., p.76)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s